Mario Vetere alla Florence Biennale 2019

 

Ma cosa bisogna inventarsi per attirare l’attenzione delle nuove generazioni?

Cosa fare per indurre i giovani ad alzare le loro capocce dagli smartphone e fare loro apprezzare una mostra d’arte?

L’artista Mario Vetere ha provato a dare una sua personale soluzione al problema.

Lo ha fatto brevettando una nuova tecnica: le sue opere, realizzate con crete colorate sfumate con i polpastrelli, sono volutamente realizzate in negativo. per vederle in positivo è necessario prendere uno smartphone o un tablet ed invertire i colori. Puntando il dispositivo sul quadro, lo spettatore potrà così godersi l’opera con i colori reali.

Mario Vetere, che ho incontrato nel corso della Florence Biennale 2019, è il protagonista dell’ultimo video di Arte a modino, nel quale ci parla appunto della tecnica da lui inventata, chiamata, non a caso negativoépositivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: